Guida Ramdisk [ITA]

Questa guida proviene da un topic, da me aperto, nel forum di HwUpgrade: Link Voglio fare una guida per il ramdisk software, drive non molto usato ma che a parer mio nel prossimo futuro tornerà ad essere usato, grazie all’impiego dei dischi allo stato solido(SSD) e grazie al prezzo delle memorie ram calato nel corso degli ultimi anni. Il ramdisk, come dice la parola stessa è una sorta di disco rigido la cui memoria è formata da memoria ram. In pratica una volta installato l’apposito driver io ho a disposizione un disco fisso, di dimensione a piacere, in risorse del computer(o l’equivalente in altri OS) da utilizzare come mi pare e piace. Lo scopo principale del ramdisk, a mio avviso è duplice: -per velocizzare l’esecuzione di quei programmi, quali browser, mail reader, aggregatori RSS che magari nel corso della giornata vengono avviati, chiusi e riavviati molteplici volte. -per trattare eo lavorare con dati sensibili, in quanto ad ogni spegnimento il ramdisk perde tutto(essendo a tutti gli effetti ram, memoria volatile). Di seguito i principale Vantaggi e Svantaggi: Vantaggi: -velocità del disco più elevata di qualsiasi HDD meccanico o solido(SSD). -ridotto uso del disco di sistema, questione particolar mente importante con l’avvento degli SSD che hanno dalla loro un problema di un ridotto numero di riscritture nello stesso settore. Basti pensare ad un browser con la sua cache, ogni secondo che si naviga scrive nuovi dati nel disco o ne modifica altri. Svantaggi: -ad ogni avvio del computer, il disco è vuoto, e ad ogni spegimento perde tutti i dati, quindi è necessario sincronizzare il ramdisk almeno ad ogni avvio ed ad ogni spegimento. Ovviamente anche in caso di mancanza di tensione i dati si perdono, quindi se uno lavora con dati importanti potrebbe mettere un intervallo di tipo mezzo ra per la sincronizazzione dei dati. -ridotto spazio, quindi utilizzo di programmi di ridotte dimensioni. Difficilmente uno ci caricherà sopra Phot oshop od un videogioco. Un altro vantaggio, è il poter usare il famoso 4° GB nei sistemi a 32bit, in quanto il programma oggetto di questa guida (nella versione per Windows), funzionando in modalità PAE(previa attivazione con apposito file di registro) permette di creare ramdisk fino a 64GB su sistemi a 32bit(probabilmente 64GB è il limite della modalità PAE).
Prestazioni del disco:
 
Test sulla funzionalità PAE, come si vede il ramdisk è pieno e la ram in qualche modo è stata riempita(screen successivo), anche se ad un certo punto windows swappa quindi non si riesce a riempirla del tutto(se non aprendo 40 opera con 20 segnalibri ma non sono masochista :D)
 
Come apparirà il disco ai nostri occhi: un normale disco rigido 😀
 Comparativa dei vari driver Ramdisk presenti:
Comparative Online: 12 Ramdisk – Test di velocità in lettura e scrittura Gavotte: sito in Giapponese, il download dell’ultima versione lo trova a questo link: Link Diretto Pregi: -L’unico ad usare realmente la funzionalità PAE. -Freeware. Difetti: – Prestazioni non eccelse. Sopratutto sull’accesso a file di 4kb. – Non sempre funzionante su sistemi a 64bit.SuperSpeed – RamDisk – Possibiltà di salvare immagini del disco. – Sistema rivolto principalmente alle aziende, quindi sulla carta avrà un supporto con i fiocchi. Difetti: – Costo elevato, non mi pare sia presente una versione Trial, è possibile richiederne una ma immagino sia riservata alle aziende. Qsoft – Ramdrive Pregi: – Ottime prestazioni sopratutto sul test di accesso a file di 4kb. – Software di gestione completo, permette di salvare il contenuto in un immagine a tempi prestabiliti, ad un intervallo e/o all’avvio-spegnimento del sistema. Difetti: – Non è gratuito, anche se è presente una versione Trial che viene aggiornata prima di scadenza per posticiparne la stessa. – Non sono riuscito a far funzionare la modalità PAE. DataRam Pregi: – Gratuito per dischi fino a 4GB. – Ottime prestazioni sopratutto sul test di accesso a file di 4kb. – Supporto alla gestione delle immagini. Difetti: – Software a pagamento. Installazione del Ramdisk(Gavotte) sotto Windows XP, Vista e Seven -scaricare Gavotte con i link che trovate sopra. -per i sistemi a 32bit, per attivare la modalità PAE basta aggiungere al registro di sistema le informazioni contenute nel file di registro ”ram4g”, per i sistemi a 64bit l’operazione non ha senso. -dopo di che, eseguire l’eseguibile, ”ramdisk”, cliccare su ”install ramdisk”, attendere l’installazione dell’hardware. – selezionare la dimensione del ramdisk, la lettera di unità e lasciare pure il tipo su fixed media. Riavviare il pc e sperare funzioni tutto 😉 Per gli utenti Windows Vista e Seven, è necessario eseguire il programma ”come amministratore”.Esempi di utilizzo Come detto in precedenza l’uso pratico del ramdisk, è essenzialmente per tutti quei programmi che vengono aperti molto spesso o che modificano molto spesso file, questo per ridurre lo stress nel disco di sistema. Oltre ai programmi è possibile anche spostare i temporanei del sistema o del browser( o perché no tutto il browser :)) Spostare i file temporanei di Windows XP 1:Andare sulle proprietà di sistema, andare nella scheda ”Avanzate” indicata in rosso.

2:Cliccare su ”Variabili d’ambiente”, indicato in rosso

3:Modificare le due variabili dell’utente, impostandone il percorso nel ramdisk, è importante usare la cartella ”TEMP” che il ramdisk crea ad ogni avvio, perchè Windows non combina a crearsela da solo.

Riavviare il Computer e verificare che su variabili d’ambiente sia tutto corretto e che dopo qualche minuto la cartella TEMP nella root del ramdisk abbia dei file. Spostare i file temporanei di Windows Vista e Seven Sono gli stessi passi della parte per Windows XP, con la sola variante che per accedere alle variabili d’ambiente bisogna andare su: -Pannello di controllo. -Sistema di manutenzione. -Sistema, accedere alla scheda ”impostazioni avanzate” e poi cliccare su variabili d’ambiente. ps: vado a memoria, i nomi dei menu potrebbero essere diversi I percorsi originali delle voci TEMP e TMP sono: Su Vista e Seven %USERPROFILE%AppDataLocalTemp Su XP %USERPROFILE%Impostazioni localiTemp

  • Trackback are closed
  • Comments (0)
  1. No comments yet.

return top